Categoria Mail Marketing

elenco ordinato per Categoria

tutti i Vantaggi del Mail Marketing

A volte, nel tentativo di individuare nuovi clienti, le piccole imprese tendono a ignorare i clienti esistenti. Creare una campagna di mail marketing “sfrutta” principalmente i clienti esistenti.

Il mail marketing è adatto per le piccole/medie imprese per una serie di motivi che vedremo insieme.

È economico

Di solito, la maggior parte delle piccole imprese  crea offerte speciali, promozioni e promemoria per i propri clienti, in forma di materiale stampato. Conversione di questo materiale in formato e-mail non è solo veloce e semplice, ma anche i risultati di risparmio sulle spese di stampa e di spedizione.

Il mail marketing permette alle piccole imprese di gestire con successo le loro campagne senza l’assunzione di nuovi dipendenti o aumentando il carico di lavoro del personale in servizio. In questo modo, le piccole imprese risparmiano sul tempo e denaro.

Può essere utilizzato per analizzare dati statistici importanti

Il mail marketing permette alle piccole imprese di mirare il target giusto e di fare test per vedere quale tipo di messaggio produce migliori risultati. Inoltre, fornisce strumenti speciali per analizzare e misurare con precisione le risposte alla campagna e-mail.

Una campagna di mail marketing offre alle piccole aziende dati importanti, quali: tassi di apertura, link a landpage, dettagli di conversione.

È veloce

Il mail marketing è una delle più veloci forme di comunicazione. Vi permette di fornire ai clienti informazioni immediate e permette anche l’accesso immediato alle loro risposte e domande.

Con il mail marketing, è possibile ricevere le risposte alla tua campagna di marketing da 1 a 3 giorni. Questo è davvero un breve periodo di tempo di risposta, soprattutto se confrontato con la velocità di campagne di direct mail, che può richiedere fino a 12 giorni per una risposta.

È conveniente

Oltre la metà degli utenti della Rete inviano o leggono messaggi di posta elettronica in una loro giornata tipo. Il mail marketing permette l’utilizzo di link a prodotti e servizi importanti all’interno dei vostri messaggi di posta elettronica, aumentando così la probabilità di catturare l’attenzione del lettore. E’ un modo semplice ed economico per aumentare le visite al vostro sito e di conseguenza i vostri ricavi.

Il mail marketing permette di aggiornare le liste e-mail rapidamente. Utilizzando e-mail consente inoltre commenti, sondaggi e feedback per essere aggiornato rapidamente, permettendo una facile gestione della casella di posta! Inoltre, campagne e-mail contengono link ad iscriversi e cancellarsi, che lo rende conveniente per separare gli abbonati interessati da quelli disinteressati.

Questionari e Sondaggi

come creare un questionario on line

Se volete creare un nuovo prodotto da vendere, avere più informazioni sul mercato o sulla soddisfazione per un vostro prodotto/servizio, la miglior cosa da fare è chiedere direttamente al vostro pubblico.

Qualche consiglio…

  • Limitate il numero delle domande. Il tempo dei vostri lettori è prezioso e rischiate che non rispondano. Oltrettutto più risposte riceverete, meno facile sarà interpretare i risultati.
  • Immettete un campo dove il lettore ha la possibilità di dirvi liberamente ciò che si sente.
  • Richiedete l’email del lettore che ha compilato il questionario, in modo tale da poterlo contattare per ringraziarlo personalmente oppure chiedere eventuali maggiori informazioni.

Se volete quindi creare un’ indagine on line sui vostri clienti attuali o potenziali e non avete soldi da spendere con costose società di ricerca, potete utilizzare alcune risorse disponibili in rete quali Surveymonkey (un servizio a pagamento che ha anche una versione gratuita con alcune limitazioni) e Google Docs (completamente gratuito).

Mini tutorial sui questionari in Google Docs

Intanto se non siete già registrati in uno dei tanti servizi gratuiti di Google (Google Drive, Gmail, Google Analitics, Adsense, ecc) vi dovete procurare un account Google. Tra i tanti strumenti gratuiti disponibili in Google Docs (c’è un foglio di calcolo, un editor di testo e tanto altro) c’è anche il “Form” (nella versione inglese) o “Modulo” (nella versione italiana) che è proprio il questionario on line. Con questa applicazione avrete la possibilità di creare tutti i sondaggi che desiderate. Potete effettuare domande che prevedono tutti i tipi di risposta possibile.

Ad esempio:

    Scelta da un menù a tendina Scelta da una lista che definite voi Voto in un range che stabilite voi (es: da 1 a 10) Risposta aperta (testo libero)

Potete fare in modo che se un utente da una risposta di un certo tipo sia indirizzato su una certa parte del questionario. Ad esempio se risponde in modo non significativo per voi ad una domanda, lo potete indirizzare sulla pagina dei ringraziamenti e fargli terminare il questionario.

Potete rendere le risposte obbligatorie o facoltative.

Per quanto riguarda la pubblicizzazione del questionario avete varie alternative:

  • Potete copiare il link in fondo al form è inserirlo in una email che invierete ad una vostra lista.
  • Potete inserire il questionario all’interno del vostro sito web aziendale utilizzando l’opzione “Embed
  • Inoltre Google Docs vi da la possibilità di rendere pubblici i risultati del vs sondaggio a tutti o solo ad una lista di “invitati”

Ci sono molte altre opzioni possibili sui questionari con Google Docs. Ad esempio è possibile cambiare il look del questionario con uno dei template messi a disposizione. Oppure è possibile mostrare in forma di grafici tutte le risposte o rielaborarle in “n” modi visto che Google Docs le presenta in un foglio di calcolo“open source” che può anche essere esportato come Excel.

Se volete apprendere in pochi minuti come costruire un questionario online con Google Docs potete visionare il video tutorial su Youtube.

Inserire questionari o sondaggi nella propria newsletter porta vantaggi enormi:

  • riceverete complimenti
  • riceverete suggerimenti preziosissimi
  • riceverete critiche utilissime per migliorarvi
  • creerete un maggiore legame con i vostri lettori

Quando, Quanto e Come spedire la vostra Newsletter

Due delle più grandi domande a cui bisogna saper rispondere sono: quando si inviano le newsletter e quanto spesso. Che ci crediate o no, questi due elementi mal gestiti (inviando troppo spesso o non abbastanza) possono condizionare in negativo la vostra campagna e farne una completa perdita di tempo.

Quindi cerchiamo di affrontare che cosa funziona e cosa no.

quando è utile inviare le vostre newsletter?

Ci sono molti studi che affermano di sapere quand’è il momento migliore per inviare la tua campagna di email o newsletter. Dagli ultimi sondaggi, i giorni migliori per inviare, sono i seguenti: Martedì, Mercoledì, Giovedì.

Sembra tutto abbastanza semplice. Lunedì è il giorno dove la maggior parte delle persone iniziano la loro settimana di lavoro ed è spesso dedicato all’organizzazione ed alla pianificazione. Venerdì non è favorevole perché le persone sono già in modalità fine settimana. Sabato è fuori questione perché è l’unico giorno della settimana in cui non si lavora… Infine si arriva alla Domenica: secondo una recente indagine, la Domenica è ormai diventato il momento migliore per l’invio. Perché? Perché sempre più persone utilizzano la Domenica per fare acquisti online e controllare la posta elettronica con più calma.

Quindi, cosa si deve fare? Provare a mescolare le cose. Lanciare la campagna di newsletter una volta il Martedì e Giovedi e una volta la Domenica, studiare i rapporti e numeri di vendita per i singoli giorni attraverso le analisi statistiche e valutare il momento più favorevole!

quante volte?

In merito alla frequenza di invio (invio troppo frequente o troppo rado) abbiamo alcune riflessioni da fare…

I problemi con l’invio troppo frequente sono legati al rischio che i vostri clienti potrebbero “bruciare” e non leggere le vostre email. Inoltre c’è la forte possibilità che i destinatari possano cliccare il pulsante SPAM…

Quindi che fare? Dai sondaggi pare che una volta ogni due settimane sia un buon ritmo. Scegliere invece di inviare newsletter una volta al mese può portare il cliente/potenziale cliente ad avere difficoltà a ri-familiarizzare con la vostra azienda… Dicono che l’assenza rende il cuore più affettuoso ma questo detto non si applica al mail marketing! L’invio troppo diradato rende le cose ancora più difficili perché ogni volta è un po’ come partire da zero.

Il top è organizzare, pianificare, variare contenuti e giorni di spedizione, e sollecitare i clienti con offerte ed eventi.  Tutto questo è possibile grazie alla pianificazione anticipata degli invii automatici.

come impostare una newsletter di successo

Dal modo con cui i bambini comunicano, si possono attingere alcuni semplici trucchi per rendere più efficaci le campagne di mail marketing. Prima regola: rendere il messaggio semplice.

Un bimbo non percepisce la complessità ma ha la necessità di comprendere in modo semplice quanto gli viene comunicato. Quanto più semplice è la comunicazione, tanto più immediata è la risposta: l’affezione al prodotto e l’acquisto sono il passo conseguente. I destinatari di un’email non concedono molto tempo al mittente! Essere brevi, semplici e concisi è un ottimo modo per aumentare il tasso di apertura. Un’email con un tasso di apertura superiore al 30% denota un buon successo della campagna di mail marketing. Come è possibile migliorare i tassi d’apertura? Certamente con una buona esperienza, con una discreta conoscenza del target di riferimento, ma anche con qualche principio psicologico che studia il comportamento degli utenti; nel momento in cui un destinatario riceve un’email si verificano due scenari: l’utente apre subito l’email oppure non la leggerà mai più! Create in chi riceve l’email quel senso di “urgenza” che porta a scoprire subito il contenuto della comunicazione.

Una comunicazione che suggerisce come evitare una situazione problematica e quali sono le conseguenze di un determinato gesto ha un altissimo potere persuasivo. Alla stessa maniera, con le email, è importante, in modo semplice e schematico, indicare quali sono le azioni che il destinatario dovrà compiere dopo aver cliccato sul link e quali saranno gli effetti del suo click. Nella creazione dell’email, e soprattutto nell’oggetto, deve essere inserito quel senso di urgenza che convince l’utente ad aprire per primo la comunicazione. Indica alcuni semplici comandi: l’inclusione di chiare azioni dà sicurezza ai lettori e scaturisce delle emozioni positive che producono un click. Un po’ di psicologia sociale anche nell’email marketing è fondamentale!

L’importanza delle immagini: chi si occupa di marketing sa molto bene che un’immagine ben costruita è molto più comunicativa di tante parole. La comunicazione via web è molto visiva e recepisce in pieno questo concetto che vede molto più semplice e veloce interpretare un’immagine che leggere un lungo testo. Proprio per questo motivo, nella realizzazione di un’email, la scelta di immagini significative è un passo fondamentale.

Dare valore ai contenuti dando la giusta importanza alle parole.

  • Sottolinea solo le parole chiave all’interno del testo, il nome del prodotto ad esempio. Deve essere ben chiaro ciò che desideri promuovere.
  • Evidenzia le parole gratis, gratuite o omaggio presenti nel corpo dell’email soprattutto se questi termini sono inseriti all’interno di un’immagine.
  • Se inserisci le immagini di nuovi prodotti o di articoli in promozione, inserisci un elemento grafico che contenga ad esempio la parola “new”, “novità”, “promo” o simili.
  • Inserisci in bella vista il numero di telefono se desideri essere ricontattato a voce.
  • Inserisci un numero di aree cliccabili molto ampio in modo che l’utente possa arrivare senza problemi alla pagina di destinazione.
  • Dai un grande rilievo grafico alla call to action anche inserendo una dimensione del font più grande rispetto al resto del testo.
  • Se promuovi un’offerta last minute, evidenzia graficamente il fatto che la promozione ha una durata limitata. Es. “Solo per oggi”, “Fino al…”

Possedere una banca dati di qualità. La pianificazione strategica gioca un ruolo fondamentale nelle campagne di mail marketing. Elemento molto importante è scegliere con cura la giusta banca dati. Molte aziende hanno sviluppato negli anni un database pieno di email errate o che, in molti casi, non esistono più. Affidare le proprie campagne a tali banche dati non è solo inutile, ma spesso è dannoso. Se molte email rimbalzano al mittente c’è il rischio concreto di finire in blacklist oltre ad un inevitabile danno di reputazione. È importante dunque seguire con attenzione gli esiti delle campagne operando le necessarie correzioni al proprio database. Un altro passaggio è molto importante: la raccolta di indirizzi email. “Vuole lasciarmi il suo indirizzo email così le mando una comunicazione quando arriva qualche novità che può essere di suo gradimento?”. Una firma sul modulo di accettazione della privacy ed il gioco è fatto! Si tratta di un’ottima prassi da cui si può facilmente dedurre che il mail marketing è uno strumento vincente anche per i piccoli esercizi commerciali, magari dislocati in centri abitati non troppo grandi. Fidelizzare il cliente attraverso comunicazioni ad esso riservate può essere una valida strategia.

Alcune cause che possono determinare il fallimento di una campagna di mail marketing

  • Contenuti e grafica stantii. E’ fondamentale comunicare in modo creativo, originale e con un po’ di brio senza essere troppo eccessivi (ma neanche ostinatamente sobri!). Un guizzo comunicativo, oltre ai soliti schemi, è spesso apprezzato, soprattutto se si tratta di una newsletter inviata periodicamente.
  • Non valorizzare al meglio i propri contatti. Ogni indirizzo email ha un suo costo. È finito nella vostra lista in seguito alle vostre strategie di comunicazione ed è una perla preziosa da custodire gelosamente, un potenziale strumento di crescita. Non è invidiabile quella situazione in cui un utente scrive male di voi sui forum o nei vari blog di settore. “Coccolate” i vostri indirizzi email nel tentativo di tenerli il più a lungo possibile all’interno delle vostre liste.

  • Non avete ben capito come leggere le statistiche d’invio. Non utilizzare adeguatamente le statistiche, analizzando le metriche degli invii precedenti, vi priva della possibilità di migliorare la vostra campagna di mail marketing. Ad esempio, potreste scoprire che molti utenti leggono l’email pochi secondi dopo il vostro invio… probabilmente tali utenti hanno accesso alla casella di posta elettronica direttamente dal proprio smartphone o tablet: su questi in particolar modo dovete puntare! Oppure analizzare i dati per capire quali utenti hanno aperto la vostra email cliccando direttamente sui link… anche questo è un buon modo per migliorare la gestione delle campagne di email marketing.

Dati sul Mail Marketing

sia negli Stati Uniti, che nei paesi Europei, che nelle economie emergenti, le aziende investono sempre più risorse nell’e-mail marketing che spesso viene utilizzato anche da organizzazioni pubbliche e non profit. Negli ultimi anni si sta ponendo una sempre maggiore attenzione all’integrazione dell’e-mail marketing con altri sistemi di gestione (es. CRM) e comunicazione (es. social media).

Il mail marketing è ancora efficace?

Per fornire una risposta esaustiva a questa legittima domanda, prenderemo dapprima in considerazione i risultati di ricerche mirate che dimostrano che l’email marketing è estremamente efficace e in seguito andremo ad analizzare i perchè di questa utilità. Secondo diverse indagini, in media, in Italia riceviamo singolarmente 20 e-mail al giorno, di cui ben 6,4 sono riconducibili a pratiche di e-mail marketing. Questo dato evidenzia l’importanza dello strumento nella comunicazione aziendale. Infatti solo il 6% degli utenti dichiara di non aver sottoscritto alcun servizio. Un utente su cinque, al contrario, dichiara di essere iscritto a dieci o più mailing list.

Sembra che il mail marketing sia destinato a crescere per la redditività e l’efficacia degli invii di messaggi di posta elettronica che, se ben mirati e ricchi di contenuti, fanno di questo mezzo il miglior strumento di Digital Marketing. Gestire le liste, popolare i Data Base e trasformare i visitatori del sito in abbonati a Newsletter, permette di disporre di contatti molto più propensi a trasformarsi in acquirenti rispetto a qualsiasi altra situazione.

Perchè è così efficace?

Ecco le motivazioni principali:
  • Permette la targettizzazione dei clienti e la creazione di messaggi profilati;
  • Consente un approccio guidato dai dati attraverso analisi statistiche
  • Conduce a vendite dirette;
  • Costruisce relazioni, basate su fiducia e lealtà,
  • Supporta la vendita anche attraverso canali diversi.

Inoltre, le statistiche dicono che il mondo dell’e-commerce continuerà a crescere, in quanto, sempre più persone, si abitueranno a fare acquisti on line. Viene da sè che portali come Amazon apriranno sempre più le porte ai medio/piccoli commercianti che per comunicare novità, offerte, aggiornamenti e inviti, avranno sempre più bisogno di un sistema di comunicazione come la newsletter.

Il futuro della mail è Mobile

Knotice, società statunitense proprietaria di una piattaforma di analisi di servizi web, ha da poco pubblicato un report che esamina le percentuali di apertura delle e-mail dai diversi device negli Stati Uniti. In particolare Knotice ha preso in considerazione un campione trasversale di circa 500 milioni di e-mail inviate in 11 segmenti di mercato negli ultimi 6 mesi. I dati parlano chiaro: nel secondo semestre  del 2012 il 41% di aperture di e-mail è arrivato da un dispositivo mobile, smartphone o tablet, con un tasso di crescita del 14% rispetto ai sei mesi precedenti. Secondo le ultime stime il traffico dati sulle reti mobili crescerà di 13 volte entro il 2017 evidenziando ancora una volta come il futuro di internet sarà sempre più condizionato dall’utilizzo di smartphone, tablet e dispositivi mobile in genere. Se il trend si manterrà su questi numeri in poco tempo ci sarà il sorpasso del mondo mobile rispetto al mondo desktop, confermando così la crescente necessità di ripensare il modo di progettare le applicazioni web e l’email marketing.

E in Italia?

Anche in Italia il web passa sempre di più per i dispositivi mobili:  il numero di smartphone è cresciuto del 28% mentre quello dei tablet è quasi raddoppiato, e circa il 40% della popolazione, in media, può connettersi a internet tramite questi device (dati Audiweb). Anche se in Italia i numeri non sono paragonabili a quelli del mercato statunitense, l’email marketing italiano mostra comunque un trend positivo nell’utilizzo dei dispositivi mobili. E’ quindi importante offrire ai propri clienti un’esperienza d’uso sempre al passo con i tempi e personalizzata alle diverse esigenze.

Il nostro sito internet usa i cookies per poter configurare in modo ottimale le sue pagine web e migliorare costantemente la fruizione dei contenuti.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

INFORMATIVA ESTESA

Cosa sono i cookie?

I cookie sono porzioni di informazioni che il sito Web inserisce nel tuo dispositivo di navigazione quando visiti una pagina. Possono comportare la trasmissione di informazioni tra il sito Web e il tuo dispositivo, e tra quest'ultimo e altri siti che operano per conto nostro o in privato, conformemente a quanto stabilito nella rispettiva Informativa sulla privacy. Possiamo utilizzare i cookie per riunire le informazioni che raccogliamo su di te. Puoi decidere di ricevere un avviso ogni volta che viene inviato un cookie o di disabilitare tutti i cookie modificando le impostazioni del browser. Disabilitando i cookie, tuttavia, alcuni dei nostri servizi potrebbero non funzionare correttamente e non potrai accedere a numerose funzionalità pensate per ottimizzare la tua esperienza di navigazione nel sito. Per maggiori informazioni sulla gestione o la disabilitazione dei cookie del browser, consulta l'ultima sezione della presente Politica sui cookie.

Utilizziamo varie tipologie di cookie con funzioni diverse. Per maggiori informazioni sui cookie e sulle loro funzioni generali, visita un sito Web informativo come allaboutcookies.org.

Per cosa usiamo i cookie?

Noi utilizziamo i cookie per rendere l’uso del nostro sito più semplice e per meglio adattare il nostro sito ai tuoi interessi e bisogni. I cookie possono anche venire usati per aiutarci a velocizzare le tue future esperienze ed attività sul nostro sito. Inoltre usiamo i cookie per compilare statistiche anonime aggregate che ci consentono di capire come le persone usano il nostro sito e per aiutarci a migliorare la struttura ed i contenuti di quest’ultimo. Non siamo in grado di identificarti personalmente attraverso queste informazioni.

Che tipi di cookie usiamo?

Due tipi di cookie possono venire usati sul nostro sito - ’session cookies’ e ’persistent cookies’. I ‘session cookies’ sono cookie temporanei che rimangono sul tuo dispositivo fino al momento in cui lasci il nostro sito. Un ‘persistent cookie’ rimarrà sul tuo dispositivo per molto più tempo o fino a quando verrà manualmente (quanto tempo il cookie rimane sul vostro dispositivo dipenderà dalla durata ovvero ‘durata vitale’ del cookie in oggetto e dalle impostazioni del vostro browser).

Qui una descrizione specifica dei cookie tecnici:

Cookie necessari

Questi cookie sono essenziali per il corretto funzionamento del nostro sito, consentono alle persone di navigare velocemente e di sfruttarne tutte le caratteristiche. Esempi includono la memorizzazione di azioni precedenti (testi inseriti) quando si ritorna ad una pagina nel corso della medesima sessione. Questi cookie non ti identificano come individuo. Se non si accettano questi cookie la resa del sito internet potrebbe risultare lenta e poco fruibile.

Cookie per la performance

Questi cookie ci aiutano a capire come gli utenti interagiscono con i nostri siti internet fornendoci informazioni relative alle sezioni visitate, il tempo trascorso sul sito, e qualsiasi questione che sia emersa, per esempio un messaggio di errore. Questo ci aiuta a migliorare la resa del nostro sito internet. Questi cookie non ti identificano come individuo. Tutti i dati vengono raccolti e aggregati in forma anonima.

Cookie funzionali

Questi cookie permettono al nostro sito internet di ricordare le scelte che fai (per esempio, il tuo nome utente, la lingua prescelta o la regione in cui vi trovi) per fornirti un’esperienza online personalizzata e più performante. Possono anche consentire agli utenti di visualizzare i video, entrare nei giochi e interagire con gli strumenti sociali tipo blog, chatroom e forum. Le informazioni che vengono raccolte da questi cookie possono includere informazioni personali identificabili che avete fornito, per esempio il tuo nome utente o la tua immagine del profilo. Saremo sempre trasparenti nei tuoi confronti in merito a quali informazioni raccogliamo, l‘uso che ne facciamo e con chi le condividiamo. Se non si accettano questi cookie, la resa e funzionalità del sito internet potrebbe risultare lenta e poco fruibile e l’accesso ai contenuti del sito potrebbe venire limitata.

Abilitazione/disabilitazione di cookie tramite il browser

Esistono diversi modi per gestire i cookie e altre tecnologie di tracciabilità. Modificando le impostazioni del browser, puoi accettare o rifiutare i cookie o decidere di ricevere un messaggio di avviso prima di accettare un cookie dai siti Web visitati. Ti ricordiamo che disabilitando completamente i cookie nel browser potresti non essere in grado di utilizzare tutte le nostre funzionalità interattive. Se utilizzi più computer in postazioni diverse, assicurati che ogni browser sia impostato in modo da soddisfare le tue preferenze.

Chiudi